Dalla giornata mondiale del libro

Così, a caso (ma proprio a caso!), dai tanti tweet sulla #giornatamondialedellibro.

@casascrittori: I genitori ti insegnano ad amare, ridere e correre. Ma solo entrando in contatto con i libri, si scopre di avere le ali. (Helen Hayes)
giornata mondiale del libro 2018

@bookcitymilano: Oggi, 23 aprile è la #GiornataMondialedelLibro e del Diritto d’Autore. Festeggiamola in compagnia di un buon libro!
giornata mondiale del libro 2018

@libreriamo: “Si chiama libro. Lo si può leggere senza bisogno d’uno schermo. Le pagine sono tutte accessibili e non scompaiono in caso di mancanza di corrente. E’ più leggero d’un portatile. Non sarà obsoleto il mese prossimo…” (Cit.) #vivailibri
giornata mondiale del libro 2018

@slam_coworking: 23 aprile | Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore #VivaILibri #Vivailibri #vivailibri #GiornataMondialedelLibro #Slamluogocomune #editoria
giornata mondiale del libro 2018

@sorubolo: Un libro è un investimento per la nostra salute fisica e mentale e allora immergiamoci nella lettura 📖 un viaggio tra le pagine di un libro crea una sana dipendenza. #GiornatamondialedelLibro
giornata mondiale del libro 2018

@raiofficialnews: “Quando penso a tutti i libri che mi restano ancora da leggere, ho la certezza di essere ancora felice” Oggi è la #giornatamondialedellibro. Tutto il palinsesto #Rai dedicato ➡http://bit.ly/2HSsOWT #23aprile #WorldBookDay2018 @RaiUno @RaiDue @RaiTre @RaiNews
giornata mondiale del libro 2018

@fede_bezzi: Fino al giorno in cui mi minacciarono di non lasciarmi più leggere, non seppi di amare la lettura: si ama, forse, il proprio respiro? (Harper Lee) #GiornataMondialeDelLibro
giornata mondiale del libro 2018

E siamo a tre!

Tre anni dalla mia nascita, l’1 febbraio 2015, con la prima community a Rogoredo Santa Giulia.
È strano notare come alcune community siano nate e proseguano con successo la loro attività e altre si siano invece addormentate, senza una guida che le spinga. Ma questa è la lezione che ho imparato nei miei mille giorni di vita: pochi leggono. E voi, potenziali lettori, se non conoscete nemmeno la mia esistenza, perdete un paio di opportunità. La prima è leggere, la seconda è conoscere persone.
Intanto io continuo a crescere, un po’ alla volta, e sto progettando cose interessanti, a cominciare dalle collaborazioni con alcune associazioni di volontariato, passando per il sogno di realizzare una biblioteca degli oggetti, fino all’internazionalizzazione della piattaforma per una prima community fuori dai confini italiani.
Ogni tanto i media raccontano di me, con toni positivi, sottolineando sempre il potere magico della condivisione, che fa incontrare persone, scambiare parole, scoprire affinità. Solo se vuoi, quando vuoi, quando hai un attimo di tempo da dedicare a te stesso e, perché no, agli altri.

Milano, 1 febbraio 2018

biblioShare

Tre anni di Biblioshare

Link simili: buon compleanno Biblioshare

Questa sera (e per 10 giorni) Cortili in-versi

Nel tardo pomeriggio di oggi inizia Cortili in-versi, una manifestazione organizzata dall’associazione Verdefestival, giunta alla sua quarta edizione, che Biblioshare, nell’ambito della propria community di Milano Rogoredo Santa Giulia, è orgogliosa di supportare.

20170922cortiliinversi

Il quartiere si animerà in luoghi non “abituali” come cortili condominiali, giardini, supermercati, piazze e strade, con appuntamenti prevalentemente dedicati alla lettura di poesie e di brani letterari, intervallati spesso da musica suonata dal vivo.

Qui di seguito il ricco programma che vede l’inaugurazione questo pomeriggio alle 18  presso lo spazio socio culturale Coop di via Freikofel.

programma cortili in-versi 2017

Evviva settembre

letture a settembre

Primo lunedì di settembre e finalmente fine del silenzio estivo sul nostro blog.
Come è già accaduto in passato, qualche consiglio per ripartire.
A tutti coloro che già vivono dove esiste una community BiblioShare, la raccomandazione di iscriversi: è gratis e vi consente di leggeremolti libri, oltre a conoscere di persona chi ve li presta.
A tutti coloro che amano leggere e non conoscono BiblioShare, la raccomandazione di coinvolgere altri amici che hanno la stessa passione e chiedere l’apertura (naturalmente gratis) di una nuova community. Per saperne di più, leggi questo link.

E’ un modo nuovo e diverso di fare cultura e di procurarsi libri da leggere: nelle community “classiche” di BiblioShare basta mettere a disposizione degli iscritti almeno uno dei propri libri, in modo che possa essere prestato a chiunque ne faccia richiesta. Tutti quindi, per poter accedere gratuitamente ai titoli condivisi, devono mettere a disposizione almeno un libro. Ma se i libri che si rendono disponibili sono di più, la dimensione della biblioteca aumenta, ed il circolo virtuoso si amplifica, creando talvolta biblioteche molto ampie.
E poi ci sono le community aperte, come la biblioteca di via Rembrandt, la biblioteca della Conca del Naviglio, e quella del Bookstore Solidale, tutte a Milano, a cui basta iscriversi senza nemmeno mettere in prestito uno dei propri libri…

E sempre, la raccomandazione di fine vacanza: condividete i libri che avete comprato e letto questa estate, di sicuro qualcuno sta aspettando di chiederveli in prestito per leggerli!

L’amore ai tempi di Biblioshare

Prendiamo spunto dal penultimo numero di 7, il magazine settimanale diretto da Beppe Severgnini, che racconta dell’amore ai tempi della sharing economy (qui il link).
l'amore ai tempi di BiblioshareNon potevamo non segnalarvelo!
Né, semplicemente, non potevamo prendere in considerazione che probabilmente anche Biblioshare ha avuto, tra le sue dinamiche di doppi incontri per il prestito di libri, episodi analoghi. Non lo possiamo sapere, ma lo crediamo probabile.
E come negli episodi raccontati, anche il nostro “strumento di diffusione della cultura” non è utilizzabile per rimorchiare, ma è utilizzabile solo come strumento di “servizio”, pensato solo per scambiare libri. Addirittura nel nostro caso, chi cerca non può conoscere l’identità del “prestatore” fino a che non conferma la selezione del libro, e dunque la possibilità di incontrare una potenziale anima gemella è piuttosto remota.
Ma – come scrivono gli autori dell’articolo Luca Mastrantonio e Micol Sarfatti – Cupido è dispettoso, ama tirare le frecce ancora bendato, e siamo convinti che degli amori siano nati anche tramite il nostro sito.
E lo abbiamo scritto tante volte ormai: la sintonia che si stabilisce tra cercatore e prestatore nel momento dell’incontro ha veramente qualcosa di magico, che fa sì che le due persone, specie se vivono nella stessa zona, spesso continuino a frequentarsi anche dopo lo scambio. E nel caso di chi è alla ricerca dell’anima gemella, questo potrebbe essere un bell’inizio!
E se, per tornare all’articolo di 7, non si affitta una casa tramite Airbnb molto frequentemente, si può prendere un libro in prestito con Biblioshare molto spesso, anzi, si possono prendere anche più libri contemporaneamente…
Leggere fa bene all’amore!

Tempo di Libri n.1 e Salone del Libro n. 30

Due giorni fa si è chiusa la trentesima edizione del Salone del Libro di Torino, praticamente un mese dopo che sono state calate le tende sulla prima edizione di Tempo di Libri, svoltasi a Milano.
Molti dibattiti sull’aver tenuto due manifestazioni per certi versi abbastanza simili a breve distanza l’una dall’altra e numeri che rispettivamente gli organizzatori giudicano interessanti.
Per Tempo di Libri 60.796 presenze in Fiera, cui se ne aggiungono 12.133 nelle 100 sedi del Fuori Fiera, e 140.746 biglietti staccati per il Salone al Lingotto, oltre a 25000 presenze nella parte Off, con ben 38000 visitatori in più rispetto all’anno scorso.
Non c’è che dire: numeri interessanti, ma più che doppi a favore di Torino.
Salone del Libro Torino e Tempo di Libri Milano
Ma cosa vuol dire questo? In realtà il successo di questa edizione del Salone non si può non collegare alla sfida lanciata da Tempo di Libri, il cui risultato non eclatante, con scarso entusiasmo e basse vendite, ha invece aumentato la percezione del successo della manifestazione torinese. Gli osservatori sono propensi ad indicare che al Salone a vincere sia stato un po’ il sentimento di rivincita dei torinesi, ma anche un modo di lavorare intelligente, di strategia pianificata, di competenze non improvvisate, e di coinvolgimento della base dei lettori. Quest’ultimo punto è quello più interessante per noi, quello che vede il lettore protagonista e che, in qualche misura, ribalta l’idea di un lettore italiano medio sempre più disinteressato e inattivo.
Da questa sfida dei libri tra Milano e Torino dunque, una prospettiva migliore di quella che ci si potesse attendere anche solo un semestre fa.

Sempre meno lettori in Italia

Nei giorni scorsi, in occasione di Tempo di Libri, la nuova manifestazione “Fiera dell’editoria” svoltasi a Milano, sono stati resi noti da Istat alcuni dati sulla lettura nel nostro Paese.
Rispetto al 2010 sono stati persi 4,3 milioni di lettori e, nello scorso anno, il 57,6% della popolazione oltre i 6 anni non ha letto nemmeno un libro, la stessa quota che era stata toccata nel 2000. Non c’è proprio da essere felici!
I non lettori che sono soprattutto maschi: il 64,5% rispetto al 51,1% delle femmine, valore che arriva al 73% tra gli over 75. Tra le donne, le non lettrici sotto i 24 anni sono il 40%, valore che cresce col crescere dell’età.
Spesso non legge chi ha un basso livello di istruzione: non legge il 77,1% tra coloro che possiedono al massimo la licenza media, mentre tra i laureati la percentuale scende al 25%. Importante è l’esempio che giunge dalla famiglia: legge libri il 69,7% dei ragazzi con entrambi i genitori lettori.
I lettori “forti”, ovvero quelli che hanno letto almeno un libro al mese, sono la minoranza, solo il 5,7%.
La prevalenza di non lettori è al Sud con il 69,2% (con una punta del 73% in Calabria), mentre non legge il 55,8% degli abitanti del Centro (55,8%) e il 49,7% di chi vive al Nord. Positiva l’eccezione della Sardegna dove chi non legge è il 51,8% della popolazione. La città più virtuosa è Trento, con il 43,7% di non lettori.
Infine un dato interessante: i lettori di libri elettronici sono 4 milioni circa, più o meno il 7% della nostra popolazione.
leggiamo sempre di meno
Non vi è dubbio che, a fronte di questi dati, noi di Biblioshare pensiamo di avere un ruolo importante nel cercare di invertire questa tendenza. La diffusione delle nostre community, seppure con tutte le difficoltà del caso e la mancanza di un sostentamento economico (utile se non altro a far conoscere la nostra realtà), può contribuire alla causa.
Biblioshare, passaparola!

La Commissione Cultura del Parlamento Europeo raccomanda l’adozione di Biblioshare

Notizia fresca fresca di oggi: la Commissione Cultura del Parlamento Europeo raccomanda a tutte le biblioteche pubbliche dei 27 Paesi dell’Unione Europea l’adozione di Biblioshare come ulteriore veicolo di diffusione della lettura e di conoscenza reciproca tra cittadini. Non si conoscono ancora tutti i dettagli di questo “strong advice”, tuttavia, nell’articolo che parla di questo argomento si evidenziano gli aspetti relativi al basso costo di adozione ed alla facile implementazione della piattaforma di prestito libri.
Commissione Cultura Parlamento Europeo
Free your books“, ovvero il nostro motto “Libera i tuoi libri”, accompagnato dal positivo effetto collaterale di persone che conoscono altre persone semplicemente scambiandosi dei libri, sono probabilmente i punti che hanno determinato questo endorsement da parte della Commissione Cultura.
Stay tuned, nei prossimi giorni ulteriori aggiornamenti.