Diandra, Enrico e Simone promuovono i loro libri tramite Biblioshare

autori edizioni SensoInverso

Sabato scorso, 13 giugno, nell’ambito del festival della letteratura che si teneva presso la biblioteca Chiesa Rossa a Milano, abbiamo conosciuto alcuni giovani (e meno giovani) scrittori, anche loro lì per pubblicizzare le loro opere edite da Edizioni SensoInverso.
Diandra Elettra Moscogiuri presentava il suo “Tequila suicide”, un romanzo che racconta la storia di Gideon, tardoadolescente, che vive in una città di provincia, tra amori, amicizie e frequentazioni poco raccomandabili; Enrico Casartelli proponeva “La vita in una conchiglia”, storia d’amore e racconto di vicende umane coinvolgenti di una coppia non più giovanissima; Simone Panizza presentava i suoi ultimi due romanzi: “Sfuggevole” e “Belli e maledetti”, ambientati nella nostra contemporaneità, in grado di portarci a riflettere sulla vita e sul suo significato, soprattutto dopo un evento drammatico.
Ebbene, anche loro, autori, hanno deciso di utilizzare il canale Biblioshare per farsi conoscere.
Dal primo luglio, data in cui partirà ufficialmente la seconda community di Biblioshare a San Donato Milanese, i loro libri saranno disponibili per il prestito a tutti gli iscritti.
E noi li ringraziamo per la loro gentilezza.

Festival della Letteratura

Mercoledì 10 giugno, a Milano, presso la Biblioteca Chiesa Rossa, inizierà il Festival della Letteratura.
Cinque giorni dedicati ai dirittiStorti, con incontri letterari, presentazioni di libri, dibattiti, poesia, musica e spettacoli…
Biblioshare partecipa nella giornata di sabato (13 giugno), quella dedicata a “Il diritto a un’educazione e a un’informazione degni di chiamarsi tali. La cultura come Diritto Umano.“. Questo il denso programma della giornata, che inizia alle 11 e termina in serata. Noi ci presentiamo alle 14.
Festival della Letteratura 2015
Ci vediamo sabato 13 giugno, alle 14, alla Biblioteca Chiesa Rossa di via Boifava 17.

8° del Manifesto: Biblioshare senza libri condivisi NON È

Manifesto 8Anna è la nostra collaboratrice di 13 anni. Oggi ha scritto in merito all’ottavo punto del nostro Manifesto.

E no, nessuno ha mangiato qualcosa di strano per dar vita a questo titolo.
Semplicemente, e ringrazio di cuore la mia professoressa di storia per avermi tartassato le scatole così da fissarmelo bene in testa, copia una particolarmente famosa frase dai nobili ideali illuministici.
Mi spiego meglio: dopo la Rivoluzione Industriale, in Francia si formò un gruppo di persone che voleva “illuminare” l’umanità con la splendente lampadina della ragione perché quella elettrica venne mostrata al mondo dal 1889: nel ‘Settecento gli illuministi ne erano quindi sprovvisti.
Costoro gettarono al vento le regole e le superstizioni della Chiesa reclamando l’uguaglianza tra popoli e la libertà di pensiero. Proprio a questo proposito,uno di essi pronunciò e coniò la frase:“Penso, quindi sono”.
E qui casca la lampadina (battutaccia per rimanere in tema “illuminato”).
Infatti, se uno non presta e condivide i propri libri, Biblioshare ha ragione di esistere? No,è inutile.
E condividendo libri si condividono emozioni, pensieri e riflessioni, proprio come gli illuministi facevano seduti paciosi ai loro caffè, commentando tranquilli i giornali.
E sempre uno di loro, Voltaire, affermò qualcosa del tipo: “Io non condivido le tue idee, ma darei la vita per permetterti di affermarle”.
Morale: poco importa se qualcuno ha opinioni diverse dalle vostre, potreste imparare a vedere le cose da un altro punto di vista o scoprire aspetti di quel volume che rileggevate annoiati senza capirne il senso.
Basta solo allungare la mano e porgerlo al prossimo.
Allora, e solo allora, Biblioshare è.

La biblioteca dell’Istituto Sottocorno è “biblioshared”

IC Sottocorno
L’intero catalogo della biblioteca dell’Istituto Comprensivo Sottocorno di via Monte Piana (scuola Primaria) e via Monte Popera (Secondaria di primo grado) a Rogoredo, con 4100 titoli, è visualizzabile in linea su Biblioshare.
Questa è la prima biblioteca di un istituto scolastico ad essere “biblioshared”, pertanto tutti i libri sono ricercabili in base a più chiavi: titolo, autore, classificazione.
Con questa operazione i titoli presenti su BiblioShare della community di Rogoredo Santa Giulia supera il numero di 8500.

C’è chi usa BiblioShare per …

BiblioShare come database
Ebbene sì! c’è chi usa biblioShare come il database dei propri libri!
Li inserisce tutti, proprio tutti, poi, eventualmente, toglie dal prestito, mediante la sospensione temporanea, i libri che non intende dare a nessuno. Così ha sempre sotto controllo tutti i suoi libri, indicando tra le informazioni del proprietario anche la loro collocazione (p.es. “libreria in anticamera”, “cantina”, ecc.).
Interessante, no?