Domani tutti alla Primavera dei Giardini

Domani anche noi saremo ospiti alla “Primavera dei Giardini” di Rogoredo.
E’ un’iniziativa giunta alla seconda edizione voluta da un gruppo di cittadini del quartiere che, in stretta collaborazione con le associazioni ed altre realtà locali, oltre ai commercianti, coglie l’inizio della nuova stagione proponendo un evento in cui il verde del prato e gli alberi in fiore diventino cornice per un insolito quadro di rinascita sociale, di un ritorno alla socialità in un luogo che negli ultimi anni ha perso la sua naturale funzione di aggregazione e convivialità.
Il tutto ai giardini di Rogoredo a Milano, dalle 9 alle 17.
Anche quest’anno l’idea del progetto rimane quella di trascorrere un giornata all’aria aperta godendo di tutte le opportunità che i giardini possono offrire negli spazi messi a disposizione: le panchine, le aree giochi per i bambini, il prato e i sentieri del percorso botanico. Si vuole vivere il parco in libertà, ognuno secondo i propri tempi e le proprie abitudini.
Sono in programma momenti di intrattenimento sportivo o artistico, angoli di lettura, lavori creativi con i bambini o riscoperta dei giochi di una volta; ogni partecipante, visitatore, passante curioso, costituirà una tessera speciale del mosaico che si andrà pian piano costruendo, in cui creare nuovi legami, collaborazioni ed amicizie che potranno concretizzarsi anche nella costruzione di una nuova immagine del quartiere.

Biblioshare sarà presente dalle 11 alle 13 con lo slogan “Libera i tuoi libri“, cercando di far conoscere l’attività della locale community e sottolineando che i libri del proprio stand non sono in vendita, ma in prestito.

la Primavera dei Giardini 2018
il programma dell’evento

Pasqua in Giappone

Notizia troppo bella per non pubblicarla anche nel giorno di Pasqua.
La municipalità di Nagoya, città giapponese sconosciuta alla maggior parte degli italiani, grossomodo a metà strada tra Tokyo e Osaka, con circa 2 milioni e trecentomila abitanti, ha ratificato nella giornata di oggi – Pasqua evidentemente in Giappone non ha il significato che c’è da noi – un accordo con Biblioshare per l’utilizzo della piattaforma in tutta la città, mettendo in condivisione tra tutti i cittadini che si iscriveranno i libri che decideranno di prestare.
Negli intenti della municipalità l’obiettivo di mettere a disposizione della popolazione uno strumento semplice e ad uso gratuito in grado di contribuire ad aumentare la fiducia tra concittadini e, al tempo stesso, di incentivare la lettura.
E’ prevista l’attivazione del servizio nel mese di ottobre, con una campagna pubblicitaria imponente, ed una stima di un coinvolgimento già nel primo mese di circa 300.000 abitanti. Il piano prevede poi una crescita di iscrizioni al servizio piuttosto lenta, in grado di arrivare comunque ad una copertura del 50% della popolazione nel corso del 2019, con circa tre milioni e mezzo di libri.
Per la prima volta nella storia di Biblioshare non esiste una community circoscritta in ambiti piuttosto ristretti, ma una mega community su una superficie di oltre 300 chilometri quadrati.
Paolo Pisani, che ha firmato l’accordo per Biblioshare, ha sottolineato la lungimiranza delle istituzioni giapponesi ed ha ricordato i valori positivi della piattaforma, che per la prima volta verrà utilizzata al di fuori dell’Europa. “L’utilizzo di una mega community al posto di un quartiere di una città non mi spaventa: i mezzi pubblici ed il servizio ferroviario cittadino sono molto efficienti e le distanze anche tra gli estremi opposti della città sono brevi. Probabilmente sarà inferiore l’impatto sociale che l’utilizzo della piattaforma avrà nei confronti dei cittadini, ma sarà amplificata la spinta alla lettura, contando su una biblioteca immensa, senza eguali al mondo, che già nei primi 3 mesi potrà contare su un milione di volumi. Considerata l’elevata fiducia reciproca dei giapponesi, dovrebbe essere ridotto il “coefficiente di gelosia” e quindi di indisponibilità al prestito tipica di noi italiani, aumentando il numero medio di libri messi a disposizione dal singolo. Speriamo che la community di Nagoya sia la prima di una lunga serie di nuove implementazioni della nostra piattaforma.”
Per ragioni di localizzazione e appealing giapponese, il nome del servizio verrà modificato in “Fratello libro”.
Il sindaco di Nagoya Takashi Kawamura ha dichiarato: “Nagoya chiederà il gemellaggio con Milano, l’affinità delle community di Fratello libro vale il gemellaggio tra queste due città”.
Fratello libro mega community
Pisani alla presentazione del progetto “Biblioshare – Fratello libro” a Nagoya, Giappone

libri, non mimose (8 marzo 2018)

L’anno scorso in occasione della festa della donna, ci eravamo espressi così:
libri, non #mimose #8marzo #giornatadelladonna #festadelladonna

Oggi riprendiamo una citazione che il tam tam di Whatsapp ha riproposto e diffuso ampiamente:

Ogni anno 2.000.000 di rametti di mimosa vengono distrutti per la Festa della Donna. Uomo, ferma questo scempio: regala un diamante!
@AnnaValeFarina

E noi, meno ironici, con forza urliamo: regala un libro!

8 marzo, libri, non mimose
libri, non mimose

Una portineria di quartiere e la sua biblioteca

Spazio Melotti 4
Ieri pomeriggio in via Melotti 4 a Milano è stata inaugurata la “biblioteca di Spazio Melotti” (http://vivimilano.corriere.it/eventi-bambini/il-pesciolino-nerino-allo-spazio-melotti), all’interno dell’omonimo centro aperto al territorio ideato e realizzato nell’ambito del progetto sperimentale “Milano Sei L’Altro“, che si propone di “attivare” un nuovo modello di welfare comunitario, collaborativo e partecipato con i cittadini, le imprese e le realtà del terzo settore per affrontare il problema di conciliare vita, famiglia e lavoro. In altre parole, semplicemente, una “portineria smart”  di quartiere.
La sperimentazione ha coinvolto Biblioshare dall’inizio del progetto e durante l’occasione di ieri.

Tutti i libri della biblioteca sono reperibili attraverso la nostra piattaforma, all’interno della community di Milano Rogoredo Santa Giulia, che gestisce il prestito.  Gli iscritti a Biblioshare hanno modo di verificare la presenza e la disponibilità al prestito dei libri della biblioteca, mentre coloro che non sono iscritti, recandosi presso Spazio Melotti 4 durante gli orari di apertura, potranno verificare la presenza del titolo presso la biblioteca del centro o presso l’intera biblioteca distribuita della community: 10.000 libri per tutti i gusti, da  0 a 99 anni.
Milano sei l'altro
Nella foto Alberto Tavazzi (Milano Sei L’Altro), animatore del pomeriggio, Cesare Carlizzi, presidente del CQMSG (Comitato di Quartiere Milano Santa Giulia) e Renato Ciboddo (donatore dei libri alla biblioteca).

E siamo a tre!

Tre anni dalla mia nascita, l’1 febbraio 2015, con la prima community a Rogoredo Santa Giulia.
È strano notare come alcune community siano nate e proseguano con successo la loro attività e altre si siano invece addormentate, senza una guida che le spinga. Ma questa è la lezione che ho imparato nei miei mille giorni di vita: pochi leggono. E voi, potenziali lettori, se non conoscete nemmeno la mia esistenza, perdete un paio di opportunità. La prima è leggere, la seconda è conoscere persone.
Intanto io continuo a crescere, un po’ alla volta, e sto progettando cose interessanti, a cominciare dalle collaborazioni con alcune associazioni di volontariato, passando per il sogno di realizzare una biblioteca degli oggetti, fino all’internazionalizzazione della piattaforma per una prima community fuori dai confini italiani.
Ogni tanto i media raccontano di me, con toni positivi, sottolineando sempre il potere magico della condivisione, che fa incontrare persone, scambiare parole, scoprire affinità. Solo se vuoi, quando vuoi, quando hai un attimo di tempo da dedicare a te stesso e, perché no, agli altri.

Milano, 1 febbraio 2018

biblioShare

Tre anni di Biblioshare

Link simili: buon compleanno Biblioshare

Se questo è un uomo

“Allora per la prima volta ci siamo accorti che la nostra lingua manca di parole per esprimere questa offesa, la demolizione di un uomo. In un attimo, con intuizione quasi profetica, la realtà ci si è rivelata: siamo arrivati al fondo. Più giù di così non si può andare: condizione umana più misera non c’è, e non è pensabile. Nulla più è nostro: ci hanno tolto gli abiti, le scarpe, anche i capelli; se parleremo, non ci ascolteranno, e se ci ascoltassero, non ci capirebbero. Ci toglieranno anche il nome: e se vorremo conservarlo, dovremo trovare in noi la forza di farlo, di fare sì che dietro al nome, qualcosa ancora di noi, di noi quali eravamo, rimanga.”
Non più scarpe, né abiti, né capelli, né nomi.
Primo Levi racconta, sempre, drammaticamente, il tentativo di cancellare tutto, di lasciare il nulla. Di azzerare l’esistenza di un popolo, di negarne la stessa nascita.
Cancellare, cancellare, cancellare.
Un forno trasforma tutto in una cenere opaca, celebrando l’irriconoscibile.
E’ finita, i campi di concentramento sono chiusi, le vittime e gli aguzzini stanno scomparendo poco a poco, mentre il tempo scorre entrambi invecchiano e muoiono, ache ci serve un giorno dl ricordo?
E’ successo allora, si è ripetuto ancora in forme diverse e su altre persone. Ogni volta che una persona perde il diritto di essere se stessa, è una piccola o grande, ma infame Shoa.
Credo che questo sia uno dei motivi per cui, mai, dovremo dimenticare.
Credo che questo sia un motivo per ricordarlo, con molto rispetto, sempre, anche ai nostri figli.
Fermiamoci un attimo, e ricordiamo. Per scongiurare la nascita di nuovi mostri che solo pensino di poter cancellare altre persone.

se questo è un uomo

“I nostri quartieri non sono solo problemi ma opportunità per tutti”

“I nostri quartieri non sono solo problemi ma opportunità per tutti”

E’ questo l’incipit dell’articolo di oggi su Repubblica, di Alessia Gallione.
Si parla di iniziative dal basso, associazioni, microimprese e volontari e di come i ragazzi di Super, “festival delle periferie”, abbiano censito ben 160 realtà di questo tipo, in un anno e mezzo, con 23 giornate di incontri sul territorio della città di Milano.
Ora pensano che sia giunto il momento di fare rete: a partire da sabato inizierà un ciclo di sette incontri-laboratori, che durerà fino al prossimo aprile, con l’obiettivo di creare una lista di priorità collettive.

Noi, come vi abbiamo raccontato e testimoniato in altre occasioni, siamo una di queste iniziative, felici di essere raccontati in un secondo articolo della giornalista: “nelle ex stalle di Dergano un cinema multilingue – a Santa Giulia-Rogoredo i libri ora si scambiano”.
L’articolo, a proposito di Biblioshare, pone l’accento sul potenziale sociale che “con una piattaforma tecnologica alla fine, però, arriva ancora e sempre lì, all’incontro tra vicini di casa. Perché la regola di “Biblioshare”, racconta il suo ideatore Paolo Pisani, è quella: per scambiarsi i volumi bisogna ritrovarsi, guardarsi in faccia, parlarsi.”

Biblioshare su Repubblica

Buona lettura!

#ConnettereICittadini

Il podcast di #BCM17 è disponibile

Eccolo qui il link al podcast del pomeriggio di sabato scorso.
podcast

Condividendo libri, storie e relazioni: esperienze e senso dello scambiare libri come pratica di coesione sociale; racconti di vita delle commmunity di Biblioshare e delle pratiche urbane che hanno il libro come elemento comune di dono o di scambio, di incontro e vicinanza, di conoscenza e cultura. Il potere della condivisione.

Qui la cronologia degli interventi:
0:00 Massimo Zerbeloni (Progetto Agorà)
2:02 Roberta Bulgari (Biblioshare)
6:35 Paola Carbellano (Equi.Libri al Corvetto)
10:50 Rosa Maria Moresco (Banca del tempo Milanosud)
13:40 Maria Madaffari (Banca del tempo Milanosud)
19:55 Elena Dottore (La Nostra Comunità)
25:30 Alberto Tavazzi (Giardino delle Culture)
41:10 Paolo Pisani (Biblioshare)
50:25 Paola Carbellano (Equi.Libri al Corvetto)
57:55 Angela Veneroni (Comitato Salomone Rinasce)
59:16 Maria Madaffari (Banca del tempo Milanosud)
1:00:23 Oscar Strano (Comitato Salomone Rinasce)

#BCM17 #BookCity